EDTA - TERAPIA CHELANTE Visualizza ingrandito

EDTA - TERAPIA CHELANTE

Nuovo prodotto

Arteriosclerosi (depositi di calcio sulle arterie), Calcificazioni (depositi di calcio negli organi interni),Trombosi, Flebite, Tromboflebite, Aggregazione piastrinica, Ispessimento del sangue (da varie cause), Intossicazione da metalli pesanti, Osteoporosi, Ipercolesterolemia, Post Operatorio, Insufficienza circolatoria cerebrale. 

Maggiori dettagli

34,70 €

Aggiungi alla lista dei desideri

  • EDTA  -  TERAPIA CHELANTE

    90 COMPRESSE
    DISODICO CHELATATO
     Con rivestimento gastroresistente e con alta biodisponibilità 

    Può aiutare all’eliminazione dei depositi di calcio e metalli pesanti dal sistema cardiovascolare

    Può prevenire l’aggregazione piastrinica e la formazione di grumi di sangue


    INDICAZIONI:
     

    Arteriosclerosi (depositi di calcio sulle arterie), Calcificazioni (depositi di calcio negli organi interni),Trombosi, Flebite, Tromboflebite, Aggregazione piastrinica, Ispessimento del sangue (da varie cause), Intossicazione da metalli pesanti, Osteoporosi, Ipercolesterolemia, Post Operatorio, Insufficienza circolatoria cerebrale. 


    La terapia di Chelazione rappresenta un processo chimico tramite cui un aminoacido denominato EDTA (acido etilendiamminotetracetico) viene somministrato per via endovenosa, orale o rettale, per eliminare dal sistema circolatorio e dagli organi interni le calcificazioni, i metalli pesanti o i minerali non desiderati . Questa terapia è sempre più diffusa specialmente in Canada e negli Stati Uniti e recentemente anche in Europa. 


    In che cosa si distingue il prodotto di Provita Nutrition "EDTA Chelatato Disodico Micronizzato" in compresse gastroresistenti?  Dato che l’EDTA semplice non è tollerato dall’organismo, esistono 3 forme chimiche di EDTA usate a scopi terapeutici: Disodio, calcio disodio e dicalcio. Tra queste, la forma disodica è la più biodisponibile e la più efficace dal punto di vista terapeutico, ma anche la più cara e difficile da trasformare in compresse. La forma chelata disodica, cioè non combinata chimicamente ma presente in forma chelata, è la più efficace quando si tratta di ridurre il calcio. Per micronizzazione (riduzione in particelle di dimensioni microniche) è quella con la biodisponibilità maggiore, che viene ulteriormente aumentata tramite la realizzazione di un maggiore e più intimo contatto con le calcificazioni arteriose. Le compresse o le capsule comuni si dissolvono rapidamente nello stomaco dove una grande parte dell’EDTA viene distrutta dai succhi gastrici, portando, oltre alla riduzione dell’effetto terapeutico, anche ad alcuni effetti non desiderati come i bruciori di stomaco ed il disagio intestinale con sensazione di vomito. Le compresse Provita sono rivestite con l'8% di wt, film sufficientemente gastroresistente da impedire la dissoluzione della compressa nello stomaco per un minimo di 2 ore, tempo sufficiente per il passaggio dal duodeno all’intestino tenue. La compressa arriva così intatta nell’intestino dove si disgrega rapidamente sotto l'azione del succo intestinale. Il rilascio dell’EDTA, direttamente nell’intestino, non soltanto aumenta al massimo la sua biodisponibilità (dunque anche l’effetto terapeutico), ma elimina completamente anche gli effetti gastrici non desiderati. L’aggiunta di Acido Malico ha un effetto sinergico grazie alla sua affinità speciale con i metalli pesanti, specialmente con l’alluminio. 


    "Chelazione" deriva dal greco e significa legare, unire. La chelazione con l’EDTA determina l’unione dei metalli superflui come: Mercurio, ferro, arsenio, alluminio, calcio, piombo, rame ecc. e la loro eliminazione dal sistema circolatorio e dagli organi interni. Il calcio ed il rame sono considerati i maggiori responsabili della formazione delle placche aterosclerotiche sulle pareti del sistema circolatorio, che portano alla riduzione del flusso sanguigno e cioè all’aterosclerosi. La terapia con l’EDTA porta i metalli presenti nell’organismo alla loro espulsione, insieme all’EDTA, per la via del sistema urinario. Alcuni medici usano con successo la terapia con chelanti per il trattamento dell’aterosclerosi o delle malattie coronariche. Va inoltre considerato che l’EDTA (acido etilendiamminotetraacetico) lega anche il calcio presente nei depositi arteriosi (placca ateromatosa che ostruisce il flusso sanguigno e porta all'indurimento ed alla fragilità delle pareti arteriose),vengono così eliminati i depositi di calcio dalle arterie riducendo il rischio di sviluppo delle affezioni coronariche e cardiache. Alcuni medici considerano l’acido etilendiamminotetraacetico come un antiossidante efficace per la rimozione dei metalli pesanti combinati con l'LDL(colesterolo cattivo), che producono le affezioni infiammatorie delle arterie. Questa teoria sostiene che la rimozione dei metalli che circolano liberi nel sangue (specialmente il rame ed il calcio) può rallentare la progressione di alcune malattie come l’aterosclerosi. 


    L’EDTA ha anche altre valenze terapeutiche. Avendo un effetto anticoagulante previene la formazione dei grumi di sangue (trombosi, tromboflebite). Ha anche un effetto antiplacca eliminando l’aggregazione piastrinica sugli ateromi. L’aggregazione piastrinica è l’adesione delle piastrine l’una all’altra e costituisce la tappa precedente della coagulazione sanguigna in presenza di un vaso sanguigno danneggiato. Essa può avere anche effetti non desiderati quando viene prodotta su una placca ateromasica, in questo caso favorisce la formazione del trombo (grumo) che si stacca ed ottura per esempio un piccolo vaso che irrora il cervello, ciò può significare un incidente ischemico transitorio (TIA). Grumi maggiori possono arrivare al cuore con effetti catastrofici. Possono anche bloccare alcune arterie o vene, portando alla tromboflebite. L'EDTA è anche indicato per prevenire la formazione di grumi e la comparsa di embolie (migrazioni di grumi) dopo un infarto miocardico, un incidente vascolare cerebrale (emiplegia per esempio), oppure nel corso delle emodialisi (pulizie artificiali del sangue). L’ispessimento del sangue (sangue grosso) è un termine generico per descrivere una riduzione della fluidità del sangue in grado di portare a incidenti vascolari, alla non irrorazione a livello dei vasi più piccoli, dei capillari e dei vasi periferici. Le cause possono essere multiple. In qualunque situazione l’EDTA ha la proprietà di mantenere fluido il sangue fino alla risoluzione della causa dell’affezione. 


    L’EDTA

    *   Dissolve ed elimina il calcio depositato sulle pareti dei vasi sanguigni
    *   Dissolve e previene la formazione dei grumi di sangue, causa degli incidenti vascolari
    *   Elimina e previene l’aggregazione piastrinica, causa dell’ispessimento del sangue 
    *   Regolarizza il metabolismo del calcio togliendo calcio dalle calcificazioni e rendendolo disponibile per le ossa e per i denti
    *   Dissolve ed elimina le conchiglie dei nanobatteri che si depositano nel sistema circolatorio e negli organi (cisti)
    *   Dissolve ed elimina i metalli pesanti accumulati sui vasi sanguigni e nel resto dell’organismo 
    *   Elimina le tossine accumulate nell’organismo
    *   Migliora la circolazione sanguigna del cervello 
    *   Migliora l’erezione
    *   Ha effetti positivi visibili sulla prostata, sui reni, sul fegato, sulla circolazione sanguigna periferica
    *   Rafforza implicitamente il sistema immunitario



    COME SONO POSSIBILI TANTI EFFETTI POSITIVI? Molto semplice. Pulendo le arterie ed eliminando i metalli pesanti, tutti gli organi sono più puliti e più irrorati di sangue (dunque meglio alimentati con nutrienti ed ossigeno), funzionano quindi alle massime possibilità dei loro parametri. 
    Quando l’EDTA viene associato con la Formula FLOW (che elimina il colesterolo dalle arterie) viene praticamente realizzata una pulizia generale e completa del sistema circolatorio portando all’eliminazione degli ateromi ed a un miglioramento visibile della qualità della vita. 
    Ma il calcio non si deposita esclusivamente sui vasi sanguigni o sulle valvole cardiache. Praticamente tutti gli organi e le articolazioni sono afflitti da depositi di calcio con effetti degenerativi cronici ed acuti. Esistono delle teorie secondo le quali le calcificazioni rappresentano una delle cause della comparsa del cancro nell’organo afflitto. 


    Ecco dove vengono riscontrate più frequentemente agglomerazioni di calcificazioni nell’organismo umano.
     


    CERVELLO:
    Calcificazioni pineali, Alzheimer, Sclerosi tuberose, “Sabbia al cervello”, Arterie dure, Cancro al cervello, Congestione cerebrale 

    OCCHI: Cataratta, Glaucoma, Degenerazione maculare 
    DENTI e GENGIVE: Calcificazioni delle gengive, Calcoli alle ghiandole salivari. 
    CUORE e SISTEMA CIRCOLATORIO: Arteriosclerosi, Aterosclerosi, Cardiomegalia, Calcificazione delle valvole cardiache, Cardiopatia Ischemica, Infarto Miocardico, Altre affezioni vascolari 
    POLMONI e SENI: Cancro al seno, Tubercolosi 
    PELLE: Invecchiamento della pelle, Scleroderma 
    SISTEMA ENDOCRINO: Morbo di Addison, Iperparatiroidismo 
    SISTEMA DIGESTIVO: Calcoli alla vescica, Morbo di Crohn, Cancro del Colon 
    OSSA e MUSCOLI: Artrite, Osteoartrite, Osteoporosi, Formazioni osteofitiche, Borsite, Tendinite, Spondilosi anchilosante, Cancro delle ossa 
    APPARATO RIPRODUTTORE e SISTEMA URINARIO: Calcoli ai reni, Prostatite cronica, Sindrome di Peyronie, Microliti testicolari, Cistite interstiziale, Cistite alle ovaie, Cancro alle ovaie, Impotenza meccanica 

    DOMANDE FREQUENTI: 

    Domanda:
     Si può somministrare l’EDTA durante il trattamento con la Formula FLOW ? 

    Risposta: L’EDTA può essere somministrato in parallelo con la Formula FLOW in quanto agisce su un altro piano. La Formula FLOW allontana i depositi di colesterolo (ateromi) mentre l’EDTA rimuove i depositi che portano alla rigidità delle arterie ed alla possibile rottura dei vasi minori, specialmente quelli che alimentano il muscolo cardiaco e i vasi cerebrali. Questi depositi sono costituiti da calcio, metalli pesanti e minerali, che si ”cementano” sulle pareti delle arterie. E’ anche indicato somministrare una serie di EDTA sia in parallelo con il FLOW che dopo la fine del trattamento stesso per realizzare una totale pulizia. Però l’EDTA attacca allo stesso tempo le calcificazioni nelle altre parti dell’organismo specialmente negli organi interni. La dose raccomandata è di 2-4 capsule a stomaco vuoto, almeno 2 capsule somministrate la sera prima di coricarsi. 


    Domanda:
     Sto soffrendo anche di osteoporosi. Se assumo l’EDTA non viene eliminato anche il calcio dalle ossa aggravando così la malattia? 
    Risposta: No, l’EDTA elimina il calcio soltanto dove è inutile e dannoso (arterie, valvole del cuore, organi interni, circuito venoso).   Aiuta l'osteoporosi perchè aggiungerà al sistema una parte di calcio di cui abbisogna, ma non sufficiente per considerarlo un trattamento vero e proprio dell’osteoporosi. Comunque non tralasciate il trattamento separato dell’osteoporosi con prodotti specifici raccomandati per questa affezione. 


    Domanda:
     Ho fatto dei test e sono stati rilevati metalli pesanti nell’organismo. Mi è stato raccomandato il DMSA. Posso sostituire il DMSA con l'EDTA? 
    Risposta: Dipende dal grado d’intossicazione con metalli pesanti. Nei casi leggeri l’EDTA è sufficiente, ma se avete depositi nell’organismo di grosse quantità di metalli pesanti e specialmente tanto mercurio e/o tanto piombo, allora è più indicato il DMSA perchè agisce più rapidamente su alcuni dei più pericolosi inquinanti, appunto mercurio e piombo. 


    Domanda:
     Sono predisposto all’arteriosclerosi, come male ereditario famigliare. Posso somministrare l’EDTA preventivamente? 
    Risposta: Si, l’EDTA sarà in grado di prevenire l’evoluzione della malattia arterosclerotica causata dalla calcificazione (indurimento) delle arterie, oppure la stenosi delle valvole del cuore.              Somministrazione: 1-2 compresse/giorno per un periodo di 6-12 mesi prese a stomaco vuoto la sera prima di coricarsi. Per evitare anche il deposito di colesterolo, in questo periodo verrà somministrata la Formula FLOW, 10 compresse/giorno per la metà del periodo raccomandato ai malati di aterosclerosi (leggere la descrizione del prodotto "Formula FLOW"). Poi si potrà continuare assumendo 2 compresse al giorno sempre della Formula FLOW (sarà utile anche come multivitaminico e per i minerali raccomandati quotidianamente). 


    Domanda:
     Soffro di stenosi con angina pettorale e ipertensione. Cosa sarebbe più indicato somministrare, la Formula FLOW o l’EDTA? 
    Risposta: Generalmente la malattia aterosclerotica è causata da depositi (ateromi) sulle pareti delle arterie ed anche sulle valvole del cuore di: Colesterolo, metalli pesanti, calcio (sotto forma di calcare) e residui minerali. Perciò un trattamento completo deve eliminare totalmente questi depositi. La Formula FLOW elimina i depositi di colesterolo, mentre l’EDTA elimina il resto. Viene dunque raccomandato di includere nel trattamento sia la Formula FLOW che l’EDTA. 


    Domanda:
     Ho letto che una delle cause dell’apparizione degli ateromi sulle arterie o dell’aggravamento delle stesse è dovuto all’eccesso di rame. Visto che la maggior parte dei tubi degli impianti d’acqua sono di rame probabilmente questo spiega la moltiplicazione dei casi di malattie cardiovascolari, specialmente l’aterosclerosi. La domanda è; l’EDTA elimina anche i depositi di rame? 
    Risposta: Si, l’EDTA è molto efficace nell’eliminazione dell’eccesso di rame e per questo scopo ha tanta affinità. 


    Domanda:
     Ho 48 anni e penso di essere ancora in buona salute. Mi potrebbe essere utile una cura con l’EDTA? 
    Risposta: Anche se ci si sente bene è difficile che non si abbiano nell’organismo accumuli di calcio,di metalli pesanti e di fibrina, probabilmente non oltre il limite dove appare la malattia. La risposta è SI, un flacone di EDTA non dovrebbe farle male.


    COMPOSIZIONE/COMPRESSA
    *    EDTA - sodio chelato (Acido etilendiammina tetra-acetato di sodio, polvere micronizzata) – 800,0 Mg,
    *    Acido malico (da fonte naturale) – 100,0 Mg
    *    Allium sativun (aglio) estratto concentrato 100:1 - 10,0 Mg

    Eccipienti:

    *    Cellulosa microcristallina – 440,0 mg,
    *    Fosfato bicalcico – 150,0 mg,
    *    Magnesio stearato – 8,0 mg,  
    *    Acido stearico – 12,0 mg,
    *    Biossido di silicio – 5,0 mg,
    *    Croscarmellosa sodica,- 15,0 mg;

    *    Compressa (polimero acrilico) – 120,0 mg 

    Non contiene: Lattosio, uova, glutine, soia, grano, mais, fermenti, noci, coloranti artificiali, aromi e conservanti

    SOMMINISTRAZIONE
    Dose giornaliera raccomandata: 1-3 compresse al giorno, a stomaco vuoto, preferibilmente prima di coricarsi, oppure secondo le raccomandazioni del medico. Somministrare con un grande bicchiere d’acqua. Durante il periodo della somministrazione è necessaria l’aggiunta di un complesso completo di minerali. 


    AVVERTENZE
    : Consultare il medico se state soffrendo di patologie concomitanti oppure se state assumendo farmaci di sintesi.      Non somministrare in caso di gravidanza o dopo il parto.


    AVVERTENZE:    Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta sana ed equilibrata e di uno stile di vita sano.    Essendo sostanze naturali e non medicinali, forniscono dei benefici all'organismo e possono ridurre il rischio di alcune malattie.     I nostri integratori, proprio per il loro stretto controllo e per la loro natura, possono essere assunti senza prescrizione medica, ma Provita consiglia sempre di non superare le dosi prescritte, non utilizzare in gravidanza, allattamento, nei bambini al disotto dei 12 anni, nei casi di patologie renali e di consultarsi con un medico e/o farsi seguire da una persona altamente qualificata ( es. Dietologo, Nutrizionista, Medico sportivo, ecc. ) a seconda del tipo di obiettivo che si vuole raggiungere.    Tenere lontano dalla portata dei bambini al disotto dei 3 anni.     Non superare la dose giornaliera consigliata.      Conservare a temperatura inferiore ai 30° C e al riparo dall'umidità, evitare l'esposizione a fonti di calore localizzate ed ai raggi solari.     La data di scadenza si riferisce al prodotto correttamente conservato e in confezione integra.    Tutte le informazioni presentate su questo sito danno un'informativa generale e non sostituiscono la consulenza del medico e/o del farmacista.


    PRODOTTO DA:
    PROVITA NUTRITION & HEALTHCANADA

     

  • Scrivi una recensione

    EDTA - TERAPIA CHELANTE

    EDTA - TERAPIA CHELANTE

    Arteriosclerosi (depositi di calcio sulle arterie), Calcificazioni (depositi di calcio negli organi interni),Trombosi, Flebite, Tromboflebite, Aggregazione piastrinica, Ispessimento del sangue (da varie cause), Intossicazione da metalli pesanti, Osteoporosi, Ipercolesterolemia, Post Operatorio, Insufficienza circolatoria cerebrale. 

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche: